Il patto col Diavolo

Il dott. Gianpiero Rodella mi ha scritto: “Ho letto con molto interesse il suo
articolo apparso sul “Giornale di Brescia”; articolo completo e dettagliato.
Stando all’argomentazione da Lei trattata, mi è venuta spontanea la seguente
domanda che rivolgo a Lei quale esperto di tematiche teologiche. Domanda:
In Matteo (4,8-9) – il diavolo mostrò il mondo a Gesù e disse: “…tutto questo
ti darò, se mi adorerai…”. A mio avviso, non si può dare una cosa che non si
ha, o della quale non se ne ha il possesso pieno. Dal Vangelo di Matteo si
deduce che il demonio, e non Dio, è il padrone del mondo. Quindi tutto,
compresi noi stessi, è di proprietà di satana. Ci illumini con la sua risposta.
Grazie”.
Che il patto diabolico sia una possibilità e purtroppo anche una realtà, ce lo
dimostra proprio il Vangelo da Lei citato. In particolare l’evangelista Luca
riporta: – Il diavolo lo condusse in alto, e mostrandogli in un istante tutti i regni
della terra, gli disse: “Ti darò tutta questa potenza e la gloria di questi regni,
perché è stata messa nelle mie mani ed io la do a chi voglio. Se ti prostri
davanti a me, tutto sarà tuo. – (Lc. 4,6/7)
Ora, solo Dio ha potuto concedere tale possibilità al demonio. Quindi il patto
diabolico è una delle tentazioni che Dio ha permesso a satana per tentare
l’uomo: la libera decisione da parte di quest’ultimo di scambiare l’inferno con
una manciata di anni di potere terreno oppure l’umiltà (cioè il riconoscere che
tutto deriva da Dio creatore) in cambio del paradiso. Naturalmente non tutti i
poteri del mondo sono da attribuire all’intervento di satana in quanto spesso il
Signore li concede a chi vuole (es. il potente e ricco Abramo, il re Davide ed il
re Salomone, ecc.). Solo Dio, infatti, è infinitamente superiore a satana;
numerosi sono poi i passi nei quali è riportato che solo Dio è l’onnipotente
creatore del cielo e della terra: in particolare i passi della Genesi ed il prologo
di Giovanni, oltre a numerosi salmi. Gesù stesso (la bocca della verità) non
contesta tale possibilità concessa al demonio, ma gli risponde: “Sta scritto:
Solo al Signore Dio tuo ti prostrerai, lui solo adorerai” (Lc. 4,8) ed in un’altra
occasione Gesù ammonisce: “Qual vantaggio infatti avrà l’uomo se
guadagnerà il mondo intero, e poi perderà la propria anima?” (Mt. 16,26),
confermando indirettamente la possibilità di ottenere il potere sul mondo a
discapito dell’anima. Ma già il libro della Sapienza riporta la possibilità di un
patto diabolico allorchè dice: “Gli empi invocano su di sé la morte con gesti e
con parole, ritenendola amica si consumano per essa e con essa concludono
alleanza, perché sono degni di appartenerle” (Sp. 1,16). Nella Genesi (4,7)
leggiamo: “….Ma se non agisci bene, il peccato è accovacciato alla tua porta;
verso di te è il suo istinto, ma tu dominalo”. E nella lettera di S. Giacomo
(4,7): “Sottomettetevi dunque a Dio; resistete al diavolo ed egli fuggirà da
voi”. Infine, lo Spirito Santo, per bocca di S. Giovanni afferma: “Noi sappiamo
che siamo da Dio, mentre tutto il mondo giace sotto il potere del maligno” (1
Gv. 5,19).
In conclusione, quindi, il Signore ha concesso al “principe di questo mondo”
la possibilità di arricchire e di conferire potere a quanti lo adorano rinnegando
il vero Dio, a loro dannazione eterna. Il successo ed il potere sono una
tentazione per gli uomini e molti cadono nel tranello di satana. Per ottenere il
potere per una manciata di anni finiscono poi, se non si convertono alla fine,
nel “fuoco eterno preparato per il diavolo ed i suoi angeli” (Mt. 25,41).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...