San Luigi Versiglia, Vescovo S.D.B. San Callisto Caravario, Sacerdote S.D.B.


Luigi Versiglia nasce a Oliva Gessi, in provincia di Pavia, il 5 Giugno 1873.
Fin da piccolo serviva alla messa, tanto che la gente lo prospettava sacerdote, ma Luigi non voleva sentirne parlare, perché desiderava fare il veterinario.

Fu accolto dodicenne da don Bosco, che lo affascinò a tal punto da fargli cambiare idea. Nel 1888, poco dopo la morte del santo, Luigi fu molto colpito dalla cerimonia di consegna del crocifisso a sette missionari e decise di diventare salesiano, con la speranza di andare in missione.

Presa la laurea in filosofia, fu ben presto pronto per l’ordinazione sacerdotale, che avvenne nel 1895.
Don Rua (beatificatoil 29 ottobre 1972), primo successore di don Bosco, lo nominò maestro dei novizi a soli 23 anni a Genzano di Roma, cosa che fece per dieci anni con bontà, fermezza e pazienza.

Richiesti con insistenza dal vescovo di Macao, nel 1906 sei salesiani arrivarono in Cina, guidati da don Versiglia. Realizzarono così una ripetuta profezia di don Bosco.

Stabilita a Macao la “casa madre” salesiana, si aprì anche la missione di Heungchow.
Don Luigi animò il territorio alla maniera di don Bosco, costituendo una banda musicale apprezzatissima, aprì orfanotrofi e oratori.

Nel 1918 i salesiani ricevettero, dal Vicario apostolico di Canton, la missione di Shiuchow, nella regione del Kwangtung, nel sud della Cina, e il 9 gennaio 1921 don Versiglia ne fu consacrato Vescovo.
Saggio, instancabile e povero, viaggiava in continuazione per visitare e incoraggiare i confratelli e i cristiani del territorio. Al suo arrivo i villaggi erano in festa, soprattutto i bambini.

Fu un vero pastore, tutto dedito al suo gregge. Diede al Vicariato una solida struttura con un seminario, case di formazione, progettando egli stesso varie residenze e ricoveri per anziani e bisognosi.
Curò con convinzione la formazione dei catechisti. Scrive nei suoi appunti: “Il missionario che non sia unito a Dio è un canale che si stacca dalla sorgente”. “Il missionario che prega molto, farà anche molto”. Come don Bosco era un esempio di lavoro e temperanza.

Intanto in Cina la situazione politica era diventata molto tesa, soprattutto nei confronti dei cristiani e dei missionari stranieri. Iniziarono le persecuzioni.

Il 13 febbraio 1930, insieme a don Callisto Caravario (nato a Courgné il 18 giugno 1903 e ordinato sacerdote nel 1929), il vescovo è a Shiuchow per la visita pastorale nella missione di Linchow. Li accompagnano anche alcuni ragazzi e ragazze, che hanno studiato a Shiuchow.

Il 25 febbraio un gruppo di pirati di orientamento bolscevico ferma la barca del vescovo, cercando di prendere le ragazze. Il vescovo e don Caravario lo impediscono con tutte le loro forze. Vengono picchiati con forza e infine fucilati.

Essi furono uccisi insieme il 25 febbraio 1930 a Li-Thau-Tseul. Prima di essere uccisi riuscirono a confessarsi a vicenda. Il loro ultimo respiro fu per le anime della loro amata Cina.

Il Beato Paolo VI (Giovanni Battista Montini, 1963-1978) li ha dichiarati martiri nel 1976.
Luigi Versiglia e Callisto Caravario sono stati iscritti nell’albo dei Beati, il 15 maggio 1983, e canonizzati, dallo stesso Papa, San Giovanni Paolo II (Karol Józef Wojtyła, 1978-2005), il 1° ottobre 2000.

Significato dei nomi :
Luigi : “combattente valoroso” (franco-tedesco);
Callisto : “bellissimo” (greco).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...